Contattaci allo 045.8781780

Benvenuti nel mondo del legno    Valuta di base:

Quali tasse devo pagare per una casa in legno?

Indice

Per le case prefabbricate mobili si pagano tasse?

Pagamento Iva per l’acquisto di una casa prefabbricata

Per la proprietà di una casa mobile si paga l’Imu?

Le migliori case e casette prefabbricate in legno

Le case prefabbricate in legno sono a tutti gli effetti considerate case abitative e per tale ragione sono soggette al pagamento di Iva e Imu. Una casa prefabbricata è sottoposta al pagamento di imposte ordinarie e alla sottoscrizione della relativa documentazione necessaria per poter operare la costruzione.

Ma come funziona il pagamento dell’aliquota Iva per le case prefabbricate in legno? Cerchiamo in questo articolo di rispondere a questo quesito, chiarendo definitivamente i dubbi relativi ai permessi necessari per la predisposizione nei propri spazi di case prefabbricate in legno e il relativo pagamento delle tasse in base alle percentuali che ad esse vengono applicate.

Per le case prefabbricate mobili si pagano tasse?

Per le case prefabbricate mobili non ancorate al suolo si pagano tasse? Le case prefabbricate in legno, come è ormai noto sono soggette al pagamento di tutte le imposte e le tasse che riguardano le abitazioni tradizionali, poiché una casa in legno è a tutti gli effetti rapportabile ad una classica abitazione in muratura.

Quando si decidere di ricorrere alla predisposizione nei propri spazi di una casa prefabbricata per evitare di avanzare la richiesta per ottenere l’autorizzazione edilizia o per tentare di non pagare alcune imposte, si commette uno dei più tipici errori dal momento che, come precisato precedentemente, le case prefabbricate sono assimilate in tutto e per tutto alle normali abitazioni in muratura.

È tuttavia bene precisare che alcune strutture prefabbricate in legno possono in alcuni casi godere anche delle detrazioni fiscali per la riqualificazione. Questo avviene ad esempio quando i moduli prefabbricati vengono adottati per la ristrutturazione di un edificio antico, oppure allo scopo di coibentare un’abitazione e migliorare l’efficienza energetica della stessa. Per quanto concerne l’aliquota Iva e l’Imu, le case prefabbricate sono soggette al pagamento di dette tasse.

Pagamento Iva per l’acquisto di una casa prefabbricata

Come si comportano le case prefabbricate in legno in materia di pagamento Iva per l’acquisto di queste strutture? L’aliquota Iva ordinaria per le case prefabbricate in legno è pari al 21 per cento. Questa percentuale può tuttavia essere ridotta se si tratta di edifici di nuova costruzione a destinazione residenziale e nello specifico:

  • L’Iva può raggiungere il 4 per cento nel caso in cui si tratta dell’acquisto della prima casa non di lusso, all’interno della quale l’acquirente stabilisce la propria residenza entro 18 mesi;
  • L’Iva può arrivare al 10 per cento per i lavori di ristrutturazione (ad eccezione che per le parcelle dei professionisti, per le quali l’Iva è sempre al 21 per cento);
  • L’Iva rimane al 21 per cento quando si acquista un terreno edificabile, non come persona fisica ma come società o impresa immobiliare.

Nel caso in cui la vendita è effettuata da un privato, essa non è soggetta a Iva. Bisogna tuttavia considerare le percentuali relative alle imposte di registro, pari rispettivamente all’8 per cento.

Le detrazioni fiscali di cui sopra riguardano casi specifici in cui i moduli prefabbricati sono utilizzati per la ristrutturazione e per la ricostruzione fedele di edifici, a seguito di demolizione o allo scopo di contribuire al miglioramento della resa energetica di tutta l’abitazione.

Nella costruzione di una casa prefabbricata, l’aliquota Iva non viene imposta dal produttore della casa ma viene determinata in base a requisiti fiscali personali dell’acquirente. La percentuale dell’aliquota Iva viene inoltre definita in base alla natura dell’abitazione in oggetto.

A tal proposito è bene precisare che le case prefabbricate in legno non rientrano nella classificazione delle abitazioni di lusso e possono essere quindi soggette al pagamento dell’Iva al 4 per cento. Quest’ultima rappresenta la condizione relativa alle case prefabbricate in legno prevista dalla Legge Tupini, n. 408/49: questa fattispecie è valida anche nell’ipotesi in cui il committente dei lavori non è in possesso dei requisiti necessari all’ottenimento delle agevolazioni che riguardano la prima casa, o ancora nel caso in cui è la stessa azienda produttrice che rivende l’immobile prefabbricato.

Il produttore di un casa prefabbricata in legno applica dunque un’aliquota Iva unica sull’intero importo del prodotto, in base all’autocertificazione presentata dal committente, il quale andrà a verificare la propria situazione fiscale.

Nel caso una persona decida di comprare una casa prefabbricata già esistente, detta fattispecie comporta l’applicazione integrale dell’aliquota unica sull’intero edificio, comprese le finiture.

Per la proprietà di una casa mobile si paga l’Imu?

Molte persone si chiedono se il proprietario di una casa mobile prefabbricata (non ancorata al suolo) paga l’Imu. Negli ultimi anni i cittadini italiani sono per così dire rimasti inermi davanti alle grandi discussioni, sfociate spesso e volentieri in battibecchi: molti partiti della politica italiana hanno infatti discusso aspramente circa il pagamento dell’Imu.

Il recente ritocco delle rendite catastali ha certamente inasprito la tassazione relativa all’imposta sulla casa. Per questa ragione il rapporto tra Imu e case prefabbricate in legno, non è ben accetto tra i cittadini italiani, per via degli importi elevati e al contempo ingiustificati, ai quali vengono sottoposte le persone che decidono di costruire la propria abitazione con l’ausilio di mobili in legno.

E così gli interessi della vecchia Ici vengono ripristinati per quanto concerne il possesso delle prime case, mentre per le seconde case il carico viene sovraccaricato.

Anche per quanto riguarda il pagamento dell’Imu, le case mobili prefabbricate pagano le tasse, esattamente come le classiche costruzioni in muratura. Per tale ragione anche per un bungalow in legno, se esso è registrato come prima abitazione, il proprietario paga l’Imu. Questo perché le strutture prefabbricate in legno, essendo ritenute forme alternative di costruzione, vengono sottoposte alle medesime regolamentazioni che caratterizzano le case in muratura, per quanto concerne il pagamento dell’Imu.

La differenza tra le case prefabbricate in legno e le case realizzate per mezzo di struttura in muratura è da ricercarsi semmai nel diverso valore catastale relativo alla diversa tipologia di edilizia, alla consistenza del bene e alla zona urbana nella quale l’edificio è stato collocato.

Le migliori case e casette prefabbricate in legno

Mondo Casette è il miglior partner al quale affidarsi per l’acquisto di case e casette prefabbricate in legno, realizzate con l’ausilio del miglior abete nordico naturale.

Le nostre case e casette in legno sono in grado di integrarsi perfettamente nel contesto urbano. La nostra proposta commerciale di strutture prefabbricate in legno di qualità è particolarmente ampia. MondoCasaShop propone alla clientela:

Lascia un Commento
  • Casette in legno su misura
  • Mondorattan.com
  • Mondosaune.com