Contattaci allo 045.8781780

Benvenuti nel mondo del legno    Valuta di base:

Qual è il miglior isolamento termico per le case in legno

Anche per le case prefabbricate in legno la coibentazione e l’isolamento termico è un argomento molto dibattuto; per operare l’isolamento termico di un edificio è possibile procedere con l’impiego di diverse tipologie di materiali, e la scelta degli stessi non è sempre facile.

Nei paragrafi seguenti vi forniremo alcuni consigli ed informazioni tecniche importanti relative ai materiali da utilizzare per realizzare la coibentazione e l’isolamento termico e acustico della vostra casa prefabbricata in legno. Prima di entrare nel merito della materia, è bene precisare di come la coibentazione di strutture in legno sia tra i benefici più importanti ed evidenti di questa tipologia di costruzioni.

Strutture prefabbricate in legno: calde d’inverno e fresche in estate

Il legno è un materiale che da secoli viene impiegato nell’industria edile per le sue importanti proprietà e qualità; tra le più importanti qualità del legno vi è la capacità di regolare il tasso di umidità in modo naturale. Il legno è infatti in grado di assorbire l’umidità per poi restituirla all’ambiente, se l’aria diverrà eccessivamente secca.

Questo materiale naturale è inoltre il migliore in assoluto per quanto attiene l’irradiazione di calore in modo uniforme: questo aspetto rappresenta un vantaggio estremamente importante quando si intende operare un intervento di isolamento termico e coibentazione degli spazi. Le strutture prefabbricate in legno di qualità sono in grado di auto climatizzarsi sia nel corso della stagione invernale che della stagione estiva.

Isolamento invernale di una casa in legno

Indipendentemente dal materiale con il quale è stato costruito, un edificio coibentato termicamente a regola d’arte, sarà anche un edificio isolato in modo ottimale da un punto di vista acustico, aumentando complessivamente il benessere e il comfort degli abitanti. Le case in legno prefabbricate in grado di rispondere ad elevati standard qualitativi, sono delle strutture che già di per sè saranno progettate e concepite per ridurre al minimo la dispersione del calore dagli infissi, dalle pareti e dal tetto.

Queste strutture sono in grado di raggiungere elevati livelli di rendimento energetico, proprio grazie al loro elevato isolamento termico, soprattutto nel corso dei mesi invernali. La progettazione e la realizzazione di una struttura finalizzata a garantire una minima dispersione termica, si traduce inevitabilmente in un minimo fabbisogno energetico. Ciò si renderà possibile realizzando un edificio che tenderà ad assumere la forma di un cubo, dal momento che a parità di volume, più sarà alta la superficie disperdente, più energia sarà necessario impiegare per  scaldare la struttura. Una pianta compatta ed uniforme, priva di significativi rientri nella sagoma e con la presenza di poche aperture rivolte verso Nord, unitamente all’utilizzo di una copertura semplice, contribuiranno ad elevare notevolmente il rendimento termico dell’involucro abitativo.

Per riuscire ad ottenere il massimo rendimento in merito al guadagno solare, si renderà indispensabile l’accumulo di calore invernale attraverso una captazione dell’energia passiva che dovrà avvenire nelle ore più calde del giorno, mediante la disposizione degli spazi più abitati e vissuti, rispettivamente verso Sud. Se le vetrate montate sulle struttura lasceranno passare all’interno la radiazione luminosa, l’ambiente si riscalderà più velocemente grazie all’effetto serra, impedendo al calore di lasciare velocemente l’abitazione.

L’installazione di infissi moderni e di ultima generazione e dotati di doppi o tripli vetri, influirà efficacemente sulla componente solare, contribuendo a ridurre le dissipazioni causate dalle limitate proprietà isolanti del vetro, rispetto alle elevate proprietà della parete coibentata.

Generalmente possiamo affermate che il legno impiegato dai produttori nella realizzazione di strutture prefabbricate in legno, è un buon isolante termico e allo stesso tempo un pessimo conduttore di calore. È bene precisare che nell’acquisto di una struttura prefabbricata in legno sarà sempre importante considerare con il massimo scrupolo la scelta delle pareti esterne (e relativo spessore) e del tetto, in base alla zona climatica nella quale si intende posizionare la struttura. Sempre in termini generali, possiamo affermare che in una casa in legno sarà bene evitare di operare l’isolamento termico con l’ausilio di materiali leggeri quali la lana di roccia o la fibra di vetro; il nostro consiglio è quello di optare per l’utilizzo di materiali quali la fibra di legno ad altra densità.

Una coibentazione di qualità non può prescindere dalla realizzazione di un cappotto isolante di 10, 12 centimetri: la funzione di questa copertura è quella di ostacolare efficacemente lo scambio termico all’esterno della struttura, intervenendo attivamente sugli eventuali ponti termici presenti. Un aspetto assolutamente da non sottovalutare nella coibentazione di un’abitazione è il tetto; se quest’ultimo non fosse coibentato in modo adeguato (anche in questo caso consigliamo la fibra di legno ad alta densità), si potrebbe verificare un abbassamento delle prestazioni termiche complessive dell’edificio.

Da un punto di vista climatico, l’Italia è un Paese estremamente variabile, sia considerando le stagioni che le variazioni climatiche nell’arco della giornata. Proprio per via delle caratteristiche climatiche del nostro Paese, le strutture dovranno adottare soluzione di coibentazione ed involucri in grado di rispondere alle variazioni climatiche e all’imprevedibilità del clima.

Tutte le case prefabbricate in legno di qualità presenti sul mercato vengono oggi progettate in modo tale da essere in grado di garantire rendimenti elevati che si avvalgono di soluzioni costruttive moderne ed efficaci, frutto del grande know how ed esperienza acquisiti dal Nord Europa. Da un punto di vista di fabbisogno energetico è oggi più che mai evidente di come il risparmio che caratterizza una casa prefabbricata in legno, può raggiungere standard di efficienza che lambiscono l’80 per cento, in relazione ad altre tipologie di abitazioni sprovviste di coibentazione: ciò non può che non tradursi in un notevole comfort abitativo.

Isolamento estivo di una casa in legno

Le case prefabbricate in legno sono da secoli particolarmente diffuse nei Paesi scandinavi e baltici e rappresentano delle soluzioni efficaci per difendere la popolazione dal freddo e dagli inverni gelidi che caratterizzano quelle latitudini. Le case prefabbricate in legno sono strutture in grado di conservare naturalmente il calore all’interno degli spazi abitativi nel corso dell’inverno, mantenendo al contempo una piacevole frescura nel corso della stagione estiva.

Proprio in riferimento al mantenimento della frescura all’interno degli stabili durante l’estate, pensiamo a quella piacevole sensazione quando entriamo in agosto all’interno di una Chiesa. Il segreto del refrigerio che si crea in questo ambiente è dato dalla massa: le pareti pesanti, realizzate con l’ausilio di pietre e mattoni, sono in grado di bloccare la trasmissione del calore, grazie alla loro capacità di sfasamento dell’onda termica. Nel corso della notte lo spazio si rinfrescherà, soprattutto se la struttura sarà ben ventilata, mentre nelle ore diurne il calore necessiterà di più tempo per riuscire a penetrare all’interno degli spazi, dal momento che le pareti svolgeranno la loro azione di barriera temporale.

Nel caso di una struttura prefabbricata in legno, la sera, quando il sole tramonterà, l’onda termica non sarà ancora riuscita ad attraversare la parete e tenderà quindi a tornare sui suoi passi, per via dell’abbassamento della temperatura esterna. Nel corso della notte le pareti cederanno il calore accumulato durante il giorno, rinfrescandosi nuovamente.

La comprensione empirica di questo ciclo naturale ha consentito agli abitanti del Nord Europa di difendersi dal freddo con la costruzione di abitazioni in legno e al contempo di beneficiare di ambienti freschi nel corso dell’estate, senza l’impiego di condizionatori. Alle nostre latitudini, una casa prefabbricata in legno dotata di un impianto di ventilazione meccanica controllata è sufficiente per dare luogo ad un ambiente fresco, senza l’ausilio di impianti di condizionamento.

Lascia un Commento
  • Casette in legno su misura
  • Mondorattan.com
  • Mondosaune.com