Contattaci allo 045.8781780

Benvenuti nel mondo del legno    Valuta di base:

Terreno agricolo? Scopri le casette in legno prefabbricate che puoi costruire

Uno dei quesiti che molte persone si pongono è: cosa è possibile costruire su un terreno agricolo?. Con questa guida vogliamo fornirvi tutte le indicazioni per rispondere in modo esaustivo a detto quesito, facendo riferimento alle fonti vigenti nel nostro ordinamento e alla giurisprudenza più recente.

Cos’è una zona agricola

Prima di affrontare l’aspetto relativo alle possibili costruzioni su un terreno agricolo è bene chiarire cosa si intende per terreno agricolo: la zona agricola è una parte di territorio sulla quale è normata la limitazione dell’attività edificatoria, al fine di mantenere un equilibrio il più possibile congruo ed ottimale tra aree libere ed aree edificate.

In particolare la zona agricola del territorio di un Comune è un’area identificata espressamente dallo strumento urbanistico indicato dalla lettera “E”. Facendo infatti riferimento al Piano Regolatore Generale e all’analogo piano urbanistico in vigore, il territorio di un Comune è suddiviso rispettivamente in zone territoriali omogenee, denominate (ZTO), ognuna delle quali caratterizzate da una specifica destinazione e suddivisa a loro volta in sotto zone.

Decreto Ministeriale 2 Aprile 1968 n. 1444 e classificazione zone territoriali omogenee

 Le zone territoriali omogenee sono così definite dal Decreto Ministeriale del 2 Aprile 1968, n. 1444:

  • A: zone del centro storico;
  • B: zone parzialmente edificate;
  • C: zone interessate da previsioni di espansione dell’aggregato urbano;
  • D: zone destinate agli insediamenti produttivi;
  • E: zone destinate all’attività agricola;
  • F: zone destinate alla realizzazione di infrastrutture di interesse pubblico, quali ad esempio ospedali o impianti sportivi.

Premessa la classificazione del citato Decreto Ministeriale del 1968, la destinazione ad area agricola di una parte del territorio di un Comune, prescinderà tuttavia da un effettivo esercizio operato da un’impresa agricola.

Lo scopo reale di tale classificazione prevista dal Decreto Ministeriale è quello di limitare di fatto l’attività edificatoria in alcune aree, salvaguardando così l’ambiente e il paesaggio, mantenendo tuttavia un equilibrio ottimale tra aree libere ed aree costruite.

E’ possibile edificare una casa prefabbricata in legno in una zona agricola?

Tanto premesso nei paragrafi precedenti, rappresenta un’opinione corrente che su un’area agricola (E) non è in alcun modo possibile edificare una casa.

Tuttavia questa opinione non corrisponde assolutamente al vero, dal momento che l’attività edificatoria in questa area non è del tutto vietata ma è consentita con una serie di limitazioni specifiche.

L’abitazione che è possibile costruire sul territorio di una zona agricola dovrà infatti avere i requisiti di una casa colonica, altresì definita casa del contadino, ed essere pertanto strettamente correlata con l’esercizio di tale attività.

Requisiti per costruzione di una casa in zona agricola

In termini generali i requisiti per poter edificare una casa sul territorio di una zona agricola sono i seguenti:

  • il proprietario della casa prefabbricata in legno o in generale dell’immobile dovrà esercitare l’attività di imprenditore agricolo da almeno 3 anni;
  • la costruzione sarà consentita nei limiti previsti dallo strumento urbanistico vigente, ovvero massimo 0,03 metri cubi a metro quadro;

Per ogni zona agricola è infatti fissato un preciso indice di fattibilità: trattasi in sostanza di un vero e proprio rapporto tra quello che potrà essere il volume dell’edificio che sarà possibile costruire su un particolare terreno agricolo.

Ad esempio, su un terreno agricolo della superficie di circa 10.000 metri quadri, sarà possibile edificare 300 metri cubi di fabbricato, che corrisponde circa ad un’abitazione di 100 metri quadrati di superficie. Tanto premesso la possibilità di edificazione in un terreno agricolo di una casa prefabbricata in legno non è poi così limitata, anche se sarà necessario considerare e fare riferimento allo scopo da perseguire che corrisponde con la necessità di preservare un determinato ambiente e limitare pertanto l’attività edilizia in una detta zona.

È inoltre importante precisare che il limite di 0,03 mq/mc (parametro fissato a livello nazionale) potrà essere modificato e ridotto ulteriormente, sia a livello regionale che a livello comunale, a seconda delle diverse opportunità offerte dal territorio.

Nel nostro ordinamento in particolare, le Regioni dispongono di una determinata autonomia per quanto attiene la legislazione in materia urbanistica; per tale ragione le prescrizioni locali potranno prevedere requisiti differenti, anche per quanto concerne l’attività che il richiedente dovrà esercitare.

Possibilità di costruire in zona agricola

Alla luce di quanto enunciato, possiamo affermare che è possibile costruire sul territorio di una zona edilizia, seguendo determinati requisiti previsti dal nostro ordinamento, che si differenziano da Regione a Regione e da Comune a Comune.

Molte persone ritengono tuttavia che è possibile aggirare in qualche modo le norme previste da nostro ordinamento, predisponendo sul territorio agricolo una casa prefabbricata in legno.

A tal proposito è bene precisare che un prefabbricato è una costruzione a tutti gli effetti e pertanto esso è soggetto a vincoli, prescrizioni e limitazioni, esattamente come per un edificio tradizionale.

Testo Unico dell’Edilizia – DPR 380/01

Per comprende ancora meglio la materia dell’edificabilità di una struttura prefabbricata in legno su un terreno agricolo è importante fare riferimento ad una fonte normativa: il Testo Unico dell’Edilizia – DPR 380/01, indica nel merito gli interventi di nuova costruzione, ovvero gli interventi di trasformazione edilizia ed urbanistica in un determinato territorio che saranno soggetti all’espletamento di pratiche, quali il Permesso a Costruire (Articolo 3, Comma 1, lettera e, punto 5).

A tal proposito la fonte enuncia quanto segue: “l’installazione di manufatti leggeri, anche prefabbricati, e di strutture di qualsiasi genere quali roulottes, camper, case mobili, imbarcazioni, che siano utilizzate come abitazioni, ambienti di lavoro, o in alternativa come deposito magazzini e simili, a eccezione di quelli che siano diretti a soddisfare esigenze meramente temporanee o siano ricompresi in strutture ricettive all’aperto per la sosta e il soggiorno dei turisti, previamente autorizzate sotto il profilo urbanistico, edilizio e, ove previsto paesaggistico, in conformità alle norme regionali di settore”.

Da questo enunciato si evince che anche una casa prefabbricata in legno dovrà sottostare alle medesime regole valide per un edificio tradizionale, in cemento armato o in muratura.

Le nostre case prefabbricate in legno per terreni agricoli

Gli imprenditori agricoli potranno affidarsi a Mondocasashop per l’acquisto della casa o casetta prefabbricata in legno più adatta alle proprie esigenze e necessità personali. Il nostro catalogo offre una vasta gamma di strutture prefabbricate in legno, in grado di rispondere ai più elevati standard qualitativi e realizzate con l’esclusivo utilizzo del miglior abete nordico naturale disponibile in commercio.

Con la produzione diretta delle nostre case prefabbricate in legno, siamo oggi in grado di offrire il prezzo più basso sul mercato di riferimento, pur mantenendo la massima qualità di realizzazione.

Tutte le produzioni prefabbricate in legno Mondo Casette sono certificate FSC. La qualità dei materiali di realizzazione ed il trattamento con l’ausilio di componenti atossici, fanno delle nostre case e casette prefabbricate in legno una soluzione innovativa e naturale per la propria abitazione.

La grandissima convenienza sul prezzo di acquisto fa di Mondocasashop il punto di riferimento del mercato della produzione e commercializzazione di strutture prefabbricate in legno in Italia da oltre 15 anni. Grazie all’innovativo sistema di costruzione blockhouse, le nostre strutture prefabbricate in legno sono in grado di vantare importanti caratteristiche: grande solidità della struttura in legno; elevata capacità di isolamento termico; alta resistenza alle intemperie; infine capacità di contrastare raffiche di vento anche particolarmente insidiose e potenti.

Lascia un Commento
  • Casette in legno su misura
  • Mondorattan.com
  • Mondosaune.com